Sei qui:   2012 > Programma 2012-2017
  |  Login

Programma 2012

Minimize
logo bivongialfuturo
LISTA CIVICA “BIVONGI AL FUTURO”
PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVO 2012-2017




Per tenere fede al nome della nostra lista civica “BIVONGI AL FUTURO”, e consegnare quindi Bivongi alle future generazioni, presentiamo il nostro programma per i prossimi cinque anni di amministrazione del Comune.

Pur essendo consci delle limitate risorse a disposizione dei Comuni dovuto alle forti riduzioni dei trasferimenti da parte dello Stato, ed avendo ognuno di noi candidati della lista “BIVONGI AL FUTURO” sensibilità particolari che ci accomunano e ci distinguono dalle altre liste, riteniamo che i punti seguenti siano irrinunciabili per chiunque si candidi ad amministrare Bivongi per i prossimi cinque anni.

  1. Unione dei Comuni. Le leggi attuali prevedono delle scadenze per l’accorpamento, per ora, dei servizi dei piccoli Comuni. Il nostro intento è di lavorare alla unione dei Comuni anticipando quello che presto o tardi, a ragione o a torto, diventerà legge.
    I punti che seguono saranno visti anche in quest’ottica futura, con il duplice obiettivo di evitare interventi dispersivi e concorrenti con gli interventi degli altri Comuni creando, invece, una rete dove gli interventi siano coordinati e più efficaci.

  2. Politiche sociali. È nostra intenzione puntare all’incremento demografico attraverso “incentivi” alle nuove famiglie che si stabiliscono a Bivongi, creando migliori condizioni di vita in modo che le future generazioni possano scegliere di rimanere nel proprio paese, evitando lo spopolamento. Vogliamo migliorare le politiche a favore degli anziani attraverso degli interventi mirati sull’assistenza socio-sanitaria e istituire uno sportello di formazione e orientamento rivolto soprattutto alle nuove generazioni.

  3. Sviluppo. Pensiamo che la crescita passi attraverso lo sviluppo coordinato di turismo, artigianato e agricoltura. A tale proposito intendiamo valorizzare le potenzialità turistiche di Bivongi e della Vallata dello Stilaro favorendo la nascita di imprese agrituristiche e di agricoltura biologica e produzioni di nicchia, strizzando l’occhio non ad un turismo di massa ma ad un turismo di qualità. Per fare questo punteremo alla formazione degli operatori turistici, sia quelli in attività sia quelli futuri, e ad un’informazione capace di raggiungere un vasto pubblico. In questo contesto si inseriscono a) la piena attivazione (informazione, effettiva disponibilità) dell’ecomuseo e degli altri musei già esistenti; b) la realizzazione di percorsi naturalistici; c) un razionale sfruttamento della potenzialità della cascata del Marmarico; d) il mantenimento delle tradizionali manifestazioni religiose, culturali, turistiche e lo sviluppo di nuove iniziative.

  4. Sicurezza e ordine pubblico. Riteniamo vitale restituire a Bivongi il senso di sicurezza e legalità che l’ha sempre contraddistinto: i recenti fatti di cronaca non possono privare i bivongesi di queste due priorità. Per questo vogliamo lavorare sulla prevenzione di questi fatti odiosi operando su diversi fronti: videosorveglianza dei punti strategici del paese; politiche di contrasto alla devianza giovanile; promozione della cultura della legalità intervenendo principalmente sui processi educativi dell’età adolescenziale ; collaborazione con le forze dell’ordine.

  5. Gestione dei rifiuti. Il problema dei rifiuti è annoso e supera i confini del Comune e della Regione. Pensiamo che una efficiente gestione della raccolta differenziata sia l’unica prospettiva che abbiamo davanti, dobbiamo dare delle alternative e reprimere lo scarico abusivo di materiali al di fuori di spazi autorizzati, e gestire questi spazi in modo controllato per riuscire a mantenere il decoro urbano: intendiamo trasformare Bivongi in un “paese-giardino”.

  6. Energia. Sul fronte delle energie rinnovabili continueremo sulla scia della precedente amministrazione rispettando gli impegni presi nel campo dell’idroelettrico e realizzando, dove tecnicamente possibile ed economicamente vantaggioso, impianti solari sui tetti degli edifici pubblici e promuovendo l’installazione degli impianti da parte di privati. Allo stesso modo si opererà sul terreno del risparmio energetico degli edifici. Un’altra forma di risparmio di energia si avrà intervenendo sul fronte dell’illuminazione pubblica, rendendola allo stesso tempo più economica ed efficiente.

  7. Comunicazione e trasparenza e legalità. Per garantire un confronto con la popolazione, abbiamo intenzione di convocare periodicamente assemblee pubbliche in modo da avere uno scambio bidirezionale di informazioni.  Tutti gli atti amministrativi saranno non solo resi pubblici, come prevedono le leggi, ma divulgati in modo da avere sempre un riscontro tra l’operato dell’amministrazione e le esigenze della comunità bivongese. Riteniamo necessario agire nel pieno rispetto della legalità, liberando così l’azione amministrativa da ogni possibile sospetto.

 

Quelli sopra evidenziati sono solo i punti cardine del nostro programma, espressi in modo sintetico. Ci riserviamo di approfondire questi punti e di aggiungerne di nuovi durante gli incontri con i cittadini: le idee non mancano di certo.

 

“Chi ha voglia di cambiare si faccia avanti. Dobbiamo, vogliamo, possiamo.